Che cos’è un CMS e a cosa serve?

Vuoi capire che significa “Sistema di gestione dei contenuti” o CMS? Che cos’è un CMS e a cosa serve? Leggi qui.

Che cos’è un CMS e a cosa serve

Nel mondo dell’informatica, un Content Management System o CMS (in italiano “Sistema di gestione dei contenuti”), è un particolare software, installato su un server collegato ad internet, il quale ha il compito di facilitare la gestione dei contenuti di un sito web, evitando conoscenze tecniche specifiche di programmazione ai possessori del server stesso.

In pratica, un CMS è un programma che permette di creare e gestire un sito web senza conoscere alcun linguaggio di programmazione. Un CMS è un editor per siti Web semplice e alla portata di tutti.

Forse avrai già sentito parlare di CMS famosi come WordPress e Joomla. Tramite questi programmi, infatti, è possibile per milioni di utenti nel mondo, accedere al proprio sito come se si usasse un normalissimo programma di scrittura, per pubblicare in semplicità pagine internet senza il bisogno di conoscere alcun tipo di programmazione in Java, CSS, HTML etc.

Un CMS è quindi il compromesso che la comunità mondiale ha adottato tra il programmare un sito da 0 con dei linguaggi di programmazione e il non creare affatto un sito internet.

Vantaggi e svantaggi di un CMS

+ I CMS sono usati da milioni di persone in tutto il mondo, e a buon motivo! Creare un sito con un CMS è veloce, sicuro, spesso open source e alla portata di tutti.

+ I CMS si installano in pochi secondi e alcuni, come WordPress, dispongono anche di veri e propri store interni dedicati alla ricerca e allo scaricamento di plugin gratuiti o a pagamento, in grado di aggiungere delle funzioni aggiuntive ai siti internet con una semplicità senza uguali.

+ Non è necessario conoscere alcun linguaggio di programmazione per poter usare un CMS.

– Spesso i CMS si fanno lotta tra di loro, cercando di ritagliarsi una porzione esclusiva di pubblico. Ciò è controproducente per i servizi che essi forniscono, i quali potrebbero essere presenti su una piattaforma e assenti su un’altra.

– Utilizzando spesso funzioni “già pronte” sarà difficile, se non a volte impossibile, modificare specificatamente e al millimetro ogni parte del sito. Spesso un CMS è limitato proprio perché chi lo usa è “costretto a fidarsi” degli sviluppatori di quel CMS o dei plugin che quel CMS ingloba.

– Senza una opportuna conoscenza del linguaggio di programmazione e delle basi della programmazione gli utenti sono più esposti ad anomalie e/o ad attacchi degli esperti del settore. In questo senso, chi usa un CMS “dipende inevitabilmente” dai programmatori e dai linguaggi di programmazione “nascosti” dietro la grafica semplice ed accattivante di un “semplice editor per siti web”.

La guida è finita. Clicca qui per scriverci o condividila in un click!

Torna su