Come gestire la Cache su SiteGround

Come velocizzare un sito SiteGround ottimizzando al meglio la cache? Come gestire la Cache su SiteGround? Leggi qui.

Attenzione!

Per sfruttare a pieno la gestione della Cache su SiteGround con installazioni WordPress, dovrai installare il plugin WordPress gratuito e dedicato chiamato SG Optimizer (se non lo hai ancora fatto). Potrai trovarlo già attivo sul tuo sito (in caso di prima configurazione su SiteGround) oppure lo troverai gratis nell’area di WordPress riservata ai plugin. Questo plugin ti permetterà di usufruire di tutte le funzioni di Cache, SuperCacher, Nginx, Memcached etc. sul tuo sito. Se non sai come installare un plugin su WordPress, clicca qui.

Come gestire la Cache su SiteGround

Lo strumento “Caching” nel pannello “Site Tools” di SiteGround è un potente strumento, sviluppato da SiteGround per i suoi clienti. Questo strumento aumenta il numero di visite che un sito può gestire e aumenta la velocità di caricamento del sito web stesso. La gestione della cache in SiteGround include 3 diverse opzioni di memorizzazione nella cache per la massima ottimizzazione dei siti Web. Puoi accedere allo strumento aprendo il tuo pannello di controllo SiteGround e scegliendo le opzioni a te più congeniali.

Ricorda inoltre che, se hai una installazione WordPress, alcune delle impostazioni offerte nella sezione “Caching” vanno anche attivate parallelamente anche sul plugin WordPress chiamato SG Optimizer per poter funzionare. E ora procediamo:

1) Accedi alla pagina principale del pannello di controllo SiteGround (se non sai come fare, clicca qui) chiamato anche Site Tools. Clicca quindi sull’icona “Velocità” e infine su “Caching”.

SiteGround Velocità Caching Nginx direct delivery
Nell’immagine, la sezione dedicata alla gestione della cache (Caching) sul pannello Site Tools di SiteGround.

2) Nella nuova pagina troverai una breve descrizione del servizio di gestione della Cache e tre schede dedicate, ognuna per ogni diversa opzione di memorizzazione nella cache disponibile. Analizziamo insieme i vari livelli di cache attivabile.

Livello 1: Nginx Direct delivery (cache statica)

Con NGINX Direct Delivery, SiteGround potrà servire la maggior parte delle risorse statiche del tuo sito (immagini, JS, CSS ed altre) direttamente tramite lo strumento chiamato “NGINX”, al fine di velocizzare al massimo il tempo di caricamento di un sito. Nginx è solitamente compatibile con qualsiasi tipo di applicazione senza necessità di alcuna modifica. Per ottenere risultati migliori, SiteGround raccomanda di lasciare sempre attivo NGINX Direct Delivery. Tuttavia, se devi utilizzare delle regole .htaccess personalizzate per il caching per i tuoi contenuti statici, potresti doverlo disattivare. Se sei alle prime armi, ti consiglio di lasciare questa opzioni attiva.

Una vera e propria soluzione di memorizzazione nella cache per le risorse statiche del tuo sito Web. Quando una pagina viene caricata, crea una copia del contenuto statico (come immagini, CSS, JavaScript, etc.) e li inserisce nella RAM del server. La prossima volta che i visitatori caricheranno il tuo sito Web, il contenuto verrà recuperato direttamente dalla RAM del server, che sarà significativamente più veloce del disco rigido del server stesso. Questo tipo di memorizzazione nella cache può essere utilizzato per tutti i tipi di siti SiteGround.

Per attivare questo livello di gestione della cache, dal Site Tools trattato al punto 1) di questa guida, clicca su”Caching” quindi attiva “Nginx Direct Delivery” dalla scheda dedicata.

SiteGround Velocità Caching Nginx direct delivery


Livello 2: cache dinamica

Questa è una soluzione estremamente efficace per i siti Web dinamici basati su Joomla, WordPress e Drupal. La cache dinamica permette di mandare in cache l’output HTML creato dal codice PHP di queste applicazioni e lo serve direttamente dalla RAM, invece di generarlo ogni volta.

Per beneficiare di questo livello di memorizzazione nella cache, è necessario scaricare il plugin SG Optimizer sul proprio sito WordPress e quindi attivare direttamente da plugin il servizio.

Per farlo, dalla bacheca di WordPress, clicca su SG Optimizer, quindi clicca su “Impostazioni Supercacher”, quindi attiva il “Caching Dinamico”. Ti consiglio di attivare anche la “Pulizia automatica della cache “, voce presente subito sotto (che ti aiuterà a tenere pulita la cache del sito in automatico).


Livello 3: Memcached

Questo è un popolare sistema di memorizzazione della cache che viene utilizzato da siti basati su grandi database come YouTube, Facebook, Wikipedia e molti altri. Memcached memorizza nella cache i risultati delle query del database nella RAM del server, velocizzando notevolmente il sito Web.

SiteGround Velocità Caching Memcached

Per attivare Memcached, dovrai svolgere 2 passaggi: per prima cosa attiva l’opzione dal pannello di controllo di SiteGround (Dalla “Site Tools” di SiteGround, clicca su “Velocità”, quindi su “Caching”, e infine su “Memcached”).

Successivamente, dalla bacheca di WordPress, clicca su SG Optimizer, quindi clicca su “Impostazioni Supercacher”, quindi assicurati che sia attiva l’opzione “Memcached”.

I vari tipi di cache: una conclusione

Valuta l’attivazione di questi tre livelli di cache con attenzione. Magari attivane uno alla volta e testalo sul campo con il tempo. Vedrai che il tuo sito sarà ancora più scattante se imparerai a gestire bene la cache!

La guida è finita. Ti è tornata utile? Faccelo sapere e condividila in due click!

Torna su