Come allegare un file ad una email

Hai sempre desiderato inviare un documento ad un amico ma non sai come fare? Vuoi sapere come allegare un file ad una email? Leggi qui.

Se vuoi sapere come fare ad allegare un file qualsiasi ad una email devi sapere che questa è una operazione molto facile da svolgere. Se sei alle prime armi, ti consiglio di leggere anche le precisazioni che puoi trovare qui sotto, subito dopo aver letto la guida sul “come allegare un file ad una email”.

Come allegare un file ad una email

Per allegare un file ad una email basterà:

1) Aprire il tuo “profilo email” da computer o da un qualsiasi dispositivo supportato.

2) Incominciare a scrivere una nuova email (dalla pagina principale basta cliccare su “+” o su “Nuova email” o su una voce simile).

3) Cliccare sull’icona a forma di graffetta è presente sulla “barra di inserimento testo” (la barra dalla quale puoi selezionare molte opzioni di formattazione e gestione del testo per la tua email). In alternativa, se non hai l’icona a forma di graffetta, cerca l’opzione “Allega file” oppure “Inserisci allegato” (o voci simili).

4) Selezionare il file da inviare e attendere il caricamento dello stesso.

5) Ora non resta che attendere il completamento del processo (che dipende dalla grandezza dei file e dalla velocità della connessione) e cliccare su “Invia” per inviare la email.

Alcune importanti precisazioni

1) Le normali caselle di posta email, permettono, solitamente, di inviare qualsiasi tipo di file, ma entro una certa grandezza (normalmente 10-15 Megabyte).

2) La velocità di caricamento dei file nella email dipende dalla tua velocità di connessione. Se un file troppo grande non viene allegato è perché la tua velocità di caricamento internet (chiamata upload) è bassa.

3) Fai attenzione quando invii e quando ricevi file dei quali non conosci bene la provenienza. Spesso infatti dietro ad un innocuo file potrebbe nascondersi un virus (o un meccanismo costruito da hacker appositamente per spiare gli utenti).

4) Il materiale che invii deve appartenerti e/o comunque, nell’inviare e ricevere file devi assicurarti di non commettere reati (derivanti spesso dalla violazione della privacy e del diritto d’autore).

E come faccio a “risolvere” questi aspetti

1) Se vuoi inviare file più grandi di 10-15 Megabyte e il tuo indirizzo di posta non lo consente, puoi utilizzare servizi come WeTransfer (clicca qui per utilizzare WeTransfer direttamente dal sito ufficiale) o programmi come Telegram (clicca qui per scaricare e installare gratuitamente l’applicazione di Telegram, anche su PC) che permettono di inviare file di grandi dimensioni (rispettivamente fino a 2 GB e 1,5 GB per singolo file). Se vuoi aggregare più file in un unico file da inviare singolarmente dai un’occhiata qui (clicca qui per scoprire un modo di accorpare tutti i file in uno solo).

2) Se vuoi scoprire quanto è veloce la tua connessione, clicca qui. Se invece vuoi cercare di ottimizzare la tua connessione (ad esempio sistemando il PING), clicca qui. In alternativa puoi contattare il tuo operatore telefonico e chiedere l’aumento della banda di upload disponibile (questa è la soluzione migliore per caricare velocemente i file in rete), spesso disponibile in sovrapprezzo.

3) Per questo punto ti consiglio di verificare attentamente le fonti dalle quali ricevi dei file e ti suggerisco di scaricare un buon antivirus tenendolo aggiornato costantemente. Quando ricevi un file non ti resterà che scansionarlo con l’aiuto del tuo software antivirus, in modo da diminuire al minimo i rischi di attacco hacker.

4) Per questo punto mi affido semplicemente al tuo buonsenso, in quanto è praticamente impossibile controllare tutti i file inviati e ricevuti nel mondo tramite la rete.

La guida è finita. Clicca qui per scriverci oppure visita la sezione “Contatti” in fondo alla pagina.