Come ritagliare una immagine con Affinity Photo

Vorresti ritagliare una foto con Affinity ma non sai come fare? Come ritagliare una immagine con Affinity Photo? Leggi qui.

Attenzione!

Questo metodo è stato testato su Affinity Photo versione 1.8.4, ma dovrebbe funzionare sulla maggior parte delle versioni di Affinity attualmente distribuite sul mercato. Difatti, per la procedura basta 1 strumento: lo “Strumento Ritaglia Strumento Ritaglia C Icona Affinity Photo “.

La guida permette di ritagliare tutte le foto in forme rettangolari (e quadrate!) ed è dedicata a tutti i principali formati di immagine in due dimensioni apribili e modificabili con Affinity, come JPEG, PNG, TIFF etc.

Come ritagliare una immagine con Affinity Photo

Devi sapere che ritagliare una immagine a proprio piacere è una operazione semplice e alla portata di tutti. Basta avere un pc, Affinity Photo installato e una manciata di minuti di pazienza.

E ora cominciamo!

1) Apri Affinity Photo ed inserisci nel programma una immagine. Sul pc funziona anche il trascinamento con il puntatore del mouse.

2) Una volta aperta l’immagine con Affinity, nella colonna a sinistra del programma, clicca su “Strumento Ritaglia Strumento Ritaglia C Icona Affinity Photo” o premi “C” sulla tastiera per attivare lo strumento ritaglia.

Come ritagliare una immagine con Affinity Photo 1

3) Una volta cliccato su “Strumento Ritaglia”, vedrai “cambiare” la barra in alto di Affinity. Questo perché la vecchia barra lascerà il posto alla “barra dedicata dello strumento ritaglia”.

Come ritagliare una immagine con Affinity Photo 2

4) Ora puoi sistemare a mano i bordi dell’immagine, aiutandoti col puntatore del mouse. In alternativa, puoi cliccare col tasto sinistro del mouse dove vuoi che si inizi a ritagliare, quindi, tenendo premuto, trascina il rettangolo (o il quadrato) che si creerà fino a coprire l’area da ritagliare (l’area che sarà tagliata fuori dall’immagine sarà riconoscibile perché coperta da una “patina”, da un’ombra grigia semi trasparente). Una volta coperta tutta l’area puoi lasciare il tasto e magari sistemare di nuovo a mano i bordi dell’immagine (trascinandoli uno ad uno). Premi “Invio” sulla tastiera appena terminato il processo (o clicca su “Applica” dalla barra dedicata dello strumento ritaglia) e l’immagine sarà perfettamente ritagliata.

Per “spostare l’area da ritagliare”, qualora tu ne abbia la necessità (magari prima di confermare il ritaglio con il tasto “Invio”!), una volta selezionata tutta l’area, ti basterà andare sopra a quest’ultima con il puntatore del mouse finché non vedrai una icona simile a questa che rappresenta “il comando sposta”.

Passando sui bordi esterni dell’immagine, noterai una doppia freccia curva Doppia freccia curva Strumento ruota immagine Icona Immagine PNG che serve per ruotare l’area di ritaglio in caso di necessità.

5) Dalla barra dedicata dello strumento ritaglia, cliccando sull’icona a forma di ingranaggio potrai scegliere le proporzioni dell’immagine (utile per fare proporzioni fisse) e cliccando a fianco della voce “Modalità” potrai scegliere se ritagliare una immagine “Senza vincoli” di sorta, oppure inserendo delle “Proporzioni personalizzate” o mantenendo il “Rapporto originale” etc. Nella barra dedicata dello strumento ritaglia potrai notare altri comandi utili come la scelta dell’unità di misura e la lunghezza e la larghezza dell’immagine (solitamente misurate in pixel).

6) Ora, non ti resta che salvare la tua immagine. Per farlo, clicca su “File” nella barra in alto di Affinity, quindi clicca su “Esporta…”. Da questa finestra potrai scegliere il formato della tua immagine (puoi mantenere lo stesso del file originario oppure cambiare), semplicemente cliccando sui formati di tuo interesse. Infine clicca su “Esportazione” dopo aver impostato la qualità dell’immagine e scegli il luogo di salvataggio.

Se non sai quale formato di immagine utilizzare per l’esportazione, io ti consiglio di scegliere il formato JPEG (clicca qui per scoprire di più) alla massima qualità. In alternativa, puoi studiarti i principali formati di immagine e decidere in completa autonomia, in base alle possibilità offerte da Affinity.

Ti ricordo, infine, che modificare la grandezza di una immagine impatta moltissimo sulle dimensioni del file finale. Difatti, una immagine, magari ritagliata, contenente meno pixel (o meno centimetri) a parità di altri fattori occuperà sempre meno MegaByte di una immagine con più pixel. Ritagliare le foto può dunque essere utile se ti trovi davanti ad una foto particolarmente grande ma vorresti renderla meno “ingombrante” in termini di spazio. Se ritagli una foto senza salvarne una copia, inoltre, perderai il file originale! Fai attenzione e se necessario crea un duplicato prima di procedere.

Se vuoi approfondire la grandezza e la risoluzione delle immagini, clicca qui.

La guida è finita. Ti è tornata utile? Faccelo sapere e condividila in due click!

Torna su