Come accedere nel Deep Web

Vorresti conoscere un modo per accedere nel Deep Web? Hai intenzione di navigare nella parte più nascosta della rete? Come accedere nel Deep Web? Leggi qui.

Attenzione!

Navigare nel Deep Web non è un’attività consigliata agli utenti comuni o agli utenti poco esperti, né tanto meno ai minorenni o alle persone facilmente impressionabili. Spostarsi in questa parte della rete richiede maturità ed una certa dimestichezza con le misure di sicurezza digitali; inoltre bisogna essere sempre consapevoli che nella parte più nascosta del Deep Web possono trovarsi hacker, persone malavitose, veri e propri criminali etc. Di per sé navigare nel Deep Web non è una azione illegale, ma moltissime azioni che si compiono quotidianamente in questa “zona grigia” della rete lo sono. Navigare nel Deep Web è legale ma usufruire dei servizi (principalmente illegali, come il commercio di droga, di armi, di materiale pedopornografico etc.) che il Deep Web mette a disposizione è una attività immorale e/o che costituisce reato. Se non hai buone intenzioni, ti consiglio di lasciare alle forze dell’ordine e alle persone preposte (che si occupano principalmente di gestione e sicurezza digitali) questa parte del web.

Come accedere nel Deep Web

Il Deep Web è la parte più nascosta dell’intero World Wide Web, tuttavia è possibile accedervi in pochi e semplici passaggi.

Se non sai che cosa sia il Deep Web e a cosa serva, clicca qui.

Vediamo insieme come fare per accedere al Deep Web. Per farlo avremo bisogno di una connessione ad internet e di un computer.

1) Prima di tutto è necessario installare un browser che sia in grado di connettersi ad una rete in grado di “far rimbalzare” la nostra connessione tra differenti server e tra differenti paesi in modo tale da garantire l’anonimato più totale, proteggendo la privacy. In questo modo nessuno (teoricamente) sarà in grado di controllare le nostre azioni sul web, lasciandoci la più assoluta libertà in quello che stiamo facendo. Per fare questo, consiglio di scaricare un browser nato per questo tipo di funzioni. Qui propongo TOR (The Onion Router Project) che è stato sviluppato da un gruppo di volontari, proprio per garantire la privacy e la sicurezza più totale agli “utenti navigatori del web”. Da TOR e da altri browser simili sarà possibile entrare nel Deep Web. Ecco le specifiche di base:

  • TOR è disponibile per: Windows, macOS e Linux.
  • TOR è un software gratuito (Licenza BSD 3-clausole).
  • È disponibile in inglese.
  • Impatto ambientale: Non specificato nel sito ufficiale.

Clicca qui per scaricare gratuitamente TOR.

2) Una volta installato TOR, potremmo già connetterci automaticamente alla rete anonima (in questo caso vai direttamente al punto 3), ma io consiglio di aumentare ulteriormente la sicurezza nella navigazione anonima installando un software VPN, cioè un software in grado di “far passare” la nostra connessione su un server posizionato in un’altra nazione. In questo caso saremo ancora più al sicuro durante la navigazione.

Se non sai che cosa sia una VPN e a che cosa serva, clicca qui.

I software e i servizi VPN sono diversi e variegati e per il prezioso servizio che offrono, risultano essere quasi tutti a pagamento. Qui, per motivi di praticità, consiglio TunnelBear:

  • TunnelBear è disponibile per: Windows, macOS, Android, iOS e come plugin per i browser Opera e Google Chrome.
  • TunnelBear è un software gratuito (Licenza proprietaria, richiede la registrazione. Gli utenti free hanno solamente 500 MB al mese).
  • È disponibile in inglese.
  • Impatto ambientale: Non specificato nel sito ufficiale.

Clicca qui per scaricare gratuitamente TunnelBear.

3) Una volta installato ed aperto il browser (come TOR) ed un eventuale software VPN (come TunnelBear; non dimenticate di attivare il software VPN prima del browser!), potremo già navigare nel Dark Web.

4) Ora inizia la parte pericolosa, perché da qui in avanti si navigherà “in mare aperto”. Infatti da qui in avanti si partirà dai siti “trampolino” (una specie di motori di ricerca del Dark Web) dai quali selezionare gli ambiti di interesse per poi addentrarsi sempre di più nel Deep Web. Una volta acceso il software VPN e una volta aperto TOR, infatti, per trovare i siti dai quali partire per entrare nel Deep Web, ci sono principalmente due modi:

a. Fare una ricerca su Google (o su altri normali motori di ricerca) inserendo come parole chiave “Top siti deep web” o “Migliori siti Dark Web” e simili. In questo modo si troveranno i migliori link (sempre aggiornati) dai quali partire.

b. Usare siti con link sul Deep Web aggiornati, oppure usare motori di ricerca appositi per il Deep Web come (ne propongo solo alcuni):

The Hidden Wiki, ovvero una sorta di Wikipedia del Deep Web. Clicca qui per visitare la pagina.

The WWW Virtual Library, una sorta di contenitore con milioni di siti indicizzati dell’intera rete del Deep Web. Clicca qui per accedere.

Parazite, un altro immenso contenitori di link per navigare nel Deep Web. Clicca qui per accedere.

DuckDuckGo ovvero un motore di ricerca che ha la particolarità di non registrare nessun dato di ricerca (tutte le ricerche saranno anonime). Clicca qui per utilizzarlo.

Tutti i siti che hanno a che fare con il Deep Web hanno solitamente una estensione particolare alla fine dell’URL dell’indirizzo web, come “.ONION”. L’esempio più comune è www.nomedelsito.onion.

La guida è finita. Clicca qui per scriverci o condividila in un click!

Torna su