Meglio il silicone o la plastica per l’ambiente?

Che impatto ambientale ha il silicone rispetto alla plastica? Meglio il silicone o la plastica per l’ambiente? Leggi qui.

Meglio il silicone o la plastica per l’ambiente?

Quando si tratta di offrire un materiale durevole e riutilizzabile per costruire contenitori e utensili, molti ecologisti ritengono che il silicone sia attualmente la risposta migliore.

Il silicone è indiscutibilmente più sicuro per la salute umana rispetto alla plastica, la quale è un materiale a base di petrolio che contiene comunemente sostanze chimiche come il bisfenolo-A (BPA). Medici e scienziati indicano una vasta gamma di problemi di salute derivanti da BPA e altre tossine ambientali (che sono interferenti endocrini).

Quando si tratta di ambiente, il silicone è altamente resistente e più rispettoso dell’oceano rispetto alla plastica.

I produttori di materie plastiche sono stati incalzati da consumatori e scienziati preoccupati per le molte tossine che risultano dalla produzione delle materie plastiche stesse. Sempre più spesso i prodotti in plastica sono etichettati senza BPA e i consumatori a volte pensano che queste materie plastiche siano sicure. Sfortunatamente, le materie plastiche prive di BPA non sono esenti da problemi quando si tratta di salute umana o ambientale. I ricercatori hanno stabilito che i produttori di materie plastiche, pur rimuovendo il BPA per etichettare i loro prodotti senza BPA, hanno aggiunto una nuova sostanza chimica chiamata BPS (sostituta del bisfenolo) che si ritiene sia più tossica del BPA.

Quando si tratta di ambiente, il silicone è altamente resistente e più rispettoso dell’oceano rispetto alla plastica. Il silicone, che è prodotto dalla silice presente nella sabbia, ha una durata molto più lunga della plastica nell’ambiente e viene utilizzato in moltissimi prodotti. Il silicone resiste a sbalzi estremi di temperatura – da molto freddo a molto caldo – senza sciogliersi, creparsi o degradare.

Usando il silicone, le famiglie possono ridurre drasticamente la loro dipendenza dalla plastica. Sia contenitori monouso che oggetti riutilizzabili in plastica, quando si graffiano e si rompono, devono essere ritirati dall’uso molto prima di oggetti simili realizzati in silicone. Con oltre 5 trilioni di pezzi di plastica fluttuanti nei nostri oceani, utilizzare il silicone significa contribuire attivamente a combattere questa massa crescente di plastica persa nel pianeta che avvelenare la fauna selvatica e la flora inerme.

Parlo davvero per l’oceano. Se continuiamo gli affari come al solito, siamo in guai seri” – ha affermato la famosa oceanografa Sylvia Earle, autrice di The World Is Blue: How Our Fate and the Ocean’s Are One e del documentario Missing Blue – “Negli ultimi 25 anni, non mi sono mai tuffata da nessuna parte, nemmeno 2 miglia sotto il mare, senza vedere qualche pezzo della nostra spazzatura, molta di questa immondizia è plastica”.

Un pezzo di silicone può essere usato per molto più tempo di un simile pezzo di plastica.

Il silicone resiste al deterioramento ossidativo (invecchiamento normale) per decenni. In effetti, molti studi hanno dimostrato che i siliconi “superano” molte sfide tra cui l’esposizione a caldo e freddo estremi, a prodotti chimici aggressivi, a sterilizzazione, a pioggia, neve, nebbia salina, radiazioni ultraviolette, ozono e pioggia acida, solo per citarne alcune.

Il silicone non è tossico per gli organismi acquatici o del suolo, non è un rifiuto pericoloso e, sebbene non sia biodegradabile, può essere riciclato dopo una vita di utilizzo (e in maniera molto meno invasiva della plastica).

I servizi di riciclaggio civico stanno espandendo la gamma di materiali che raccolgono ogni anno, ma se non riesci a trovare un posto per riciclare un coperchio in silicone, potresti fare richiesta al tuo servizio di smaltimento e comunque aiutare i tuoi cari a creare una nuova coscienza ecologica.

Se smaltito in una discarica per l’incenerimento, il silicone (a differenza della plastica) viene riconvertito in ingredienti inorganici e innocui: silice amorfa, anidride carbonica e vapore acqueo.

Quando la plastica si perde nell’ambiente, si scompone in micro-frammenti (vedi il fenomeno delle microplastiche) che contaminano il nostro territorio e gli oceani, nonché gli animali. Le sostanze chimiche della plastica vengono quindi diffuse in tutti gli ecosistemi, compresi oceani e territori continentali. Inoltre, poiché la plastica è più soggetta a scomporsi in piccoli pezzi, la fauna selvatica spesso confonde i pezzi colorati e brillanti di rifiuti di plastica per del cibo. Il “cibo” di plastica è veleno e blocca i loro sistemi digestivi, causando spesso la morte.

Il silicone è anche resistente agli odori e alle macchie. È igienico e ipoallergenico, quindi ideale per contenitori per alimenti e stoviglie. Non si sbiadisce e non si graffia come fa la plastica.

La chiave per essere consumatori attenti è acquistare solo silicone di alta qualità che sia sicuro per gli alimenti. Non tutto il silicone è creato uguale. Per ridurre i costi, alcuni produttori aggiungono riempitivi al prodotto. Fortunatamente esiste un modo semplice per scoprirlo: pizzica e attorciglia una superficie piatta sull’elemento in silicone. Se il bianco appare attraverso, il prodotto contiene riempitivo. Il silicone puro, infatti, non cambia colore quando è attorcigliato.   E tu? Da oggi sceglierai il silicone o la plastica per la vita di tutti i giorni?    

La guida è finita. Clicca qui per scriverci oppure visita la sezione “Contatti” in fondo alla pagina.