Come leggere dispositivi exFAT su Ubuntu

Hai per caso una scheda di memoria formattata in exFAT e non riesci a farla funzionare su Linux? Vorresti rendere compatibile il tuo sistema operativo al formato di formattazione exFAT? Come leggere dispositivi exFAT su Ubuntu? Leggi qui.

Attenzione!

Il sistema operativo Linux (come nel caso di una installazione Ubuntu) non ha installati di default i driver per leggere questo particolare “sistema di organizzazione dei file” (il formato exFAT, chiamato anche FAT64 o Extended File Allocation Table è un formato sviluppato da Windows). La soluzione al problema è semplice e alla portata di tutti.

Come leggere dispositivi exFAT su Ubuntu

Hai fatto delle belle foto con la tua nuova reflex (o dei bei video con la tua nuova fotocamera) ed hai appena installato Ubuntu sul computer nuovo. Una volta inserita la scheda di memoria nel lettore di schede, hai però ricevuto un messaggio di errore ed è nato subito il panico! Se hai inserito una scheda SD, una micro SD o una qualche memoria flash nel tuo computer e non riesci a leggerla non disperare.

Per capire che hai bisogno di scaricare dei driver dedicati, ti basterà inserire la tua scheda di memoria flash nel pc, il tuo computer dovrebbe darti errori simili a questo:

Unable to access "NOMEDELLAPERIFERICA"

Error mounting /dev/sdb1 at /media/me/NOMEDELLAPERIFERICA

Per ovviare all’inconveniente, ti basterà installare i file giusti. Serviranno una manciata di minuti e una connessione ad internet.

Vediamo come fare:

1) Rimuovi la scheda interessata dal dispositivo di lettura del tuo pc.

2) Apri il “Terminale“. Se non sai come fare, clicca qui.

3) Una volta nel Terminale, digita il seguente comando (puoi fare copia e incolla = ctrl+c e ctrl +v):

sudo apt-get install exfat-fuse exfat-utils

4) Premi “Invio” e aspetta il termine della procedura. Ora la tua scheda di memoria dovrebbe funzionare perfettamente.

Una volta terminata la procedura di installazione, se la scheda non è ancora riconosciuta, prova ad aggiornare le periferiche digitando quest’altro comando, sempre da Terminale:

sudo apt-get update

La guida è finita. Clicca qui per scriverci o condividila in un click!

Torna su